Tuesday, November 25, 2008

Italieni - Memole Version

Insalata di italieni:

Mentre in Italia Villari rifiuta di dimettersi e un membro dell’opposizione passa i “pizzini” ad uno della maggioranza senza che questo causi scandalo, in America Barack Obama sceglie Hillary Clinton come segretario di stato. Nella fantascienza italiana potreste mai immaginare Veltroni che nomina D’Alema o Di Pietro come vicepremier? A proposito, ma noi abbiamo anche un vicepremier?

Ennesimo articolo de La Repubblica per fare il punto sulla situazione razzismo in Italia. Si tratta di un articolo doloroso, si nominano episodi per me sempre nuovi, per esempio quello di un ragazzo a cui è stato negato l’ingresso in discoteca con queste vergognose parole: “Non crederai mica di poter entrare dappertutto solo perché adesso ha vinto Obama”. Leggi qui.

Il nano di Venezia, alias Renato Brunetta, si diletta a bacchettare gli assenteisti ma non lo si può certo definire uno stacanovista. Leggi qui.

Video di Obama che non caga Berlusconi, esilarante, farà la storia!




Parole (it)aliene:

L’innominato proprietario dell’Italia: "L'unica cosa da fare è non pagare più il canone. Il Tg3 mi insulta, mi oltraggia e mi prende in giro ogni sera...."

Memole dice: "Glielo dico alla mamma che voi mi prendete in giro..."

Sempre lui: "Ci sono sempre di mezzo io, sempre attaccato in malo modo. Sono fenomeni che tutti possono verificare guardando la tv. Quanto a trasmissioni come Ballarò, Porta a Porta, Annozero e Primo Piano ho pregato ministri e sottosegretari di non prestarsi a risse, cosa contraria agli interessi dei conduttori che dalla rissa aumentano gli ascolti, ma non dignitosa per chi ha responsabilità di governo".

Memole dice: Neanche da Vespa si può più andare? Rimane solo Emilio Fede!

Ancora lui: "Si è diffuso un clima generale di sfiducia anche per le profezie fatte circolare in Italia dalla sinistra che grida alla catastrofe. Premier e governo cercheranno di infondere fiducia ma solo i cittadini possono, non cambiando le loro abitudini, arginare la crisi reale che purtroppo sta arrivando, con una caduta verticale degli acquisti".

Memole dice: Che bello, compriamo roba che non ci possiamo permettere, così poi ci indebitiamo come gli americani! Questo dimostra quanto Berlusconi ci capisca di economia.

Nient'altro che lui: "Il mio complimento al presidente Obama è stato un pò invidioso. Tutti vorremmo essere abbronzati come Naomi Campbell e Obama...".

Memole dice: Non cambi proprio idea, eh! Sei de coccio!!!

Antonio Di Pietro: "I magistrati? Rappresentano per Berlusconi ciò che gli ebrei rappresentavano per Hitler: razza infame da eliminare, anzi dementi da mandare nei manicomi. Non lo dico io: l'ha affermato lui stesso! Non credo che bisognerà aspettare molto. La "soluzione finale" è vicina per i giudici".

Memole dice: I magistrati stanno a Berlusconi come gli ebrei stanno a Hitler??? Va bene che bisogna fare opposizione, ma ora non stiamo esagerando con le battute ad effetto? Che Di Pietro sia andato a lezione da qualche esponente della Lega per imparare a fare il populista?


Bene, e ora per concludere, posso parlare del premio che mi è stato assegnato da Uhurunausalama, una blogger sister che consiglio a tutti di iniziare a tener d'occhio. Grazie Uhuru!!!
Il premio si chiama Dardos e viene asseganto ai blog "che hanno dimostrato il loro impegno nel trasmettere valori culturali, etici, letterari o personali".
Regole:
1)Accettare e comunicare il relativo regolamento visualizzando il logo del premio
2) Linkare il blog che ti ha premiato
3) Premiare altri 15 blog ed avvisarli del premio

Non ho 15 blog da premiare, anche perché i blog che seguo più assiduamente hanno a sua volta ricevuto il premio, ma cercherò di fare del mio meglio. Io premio:
1) Blessing Sunday Osuchukwu, per i suoi bellissimi post sulla cultura Igbo / nigeriana / africana e quelli sulla cultura italiana. E per le poesie, naturalmente. Dalu!
2) Luca Viscje Brazil, per raccontarci alcuni aspetti curiosi ed interessanti della vita verdeoro e per saper raccontare l'Italia anche se si trova oltreoceano. Obrigada!
3) Jaska (metaoikos), con il suo nuovo blog, che ci racconta il Congo, l'India, l'Italia e molto altro. Shoukriah, Dhanyavaad, grazie, asante sana! (Ora sto cercando di strafare, me ne rendo conto...)

12 comments:

  1. Non solo si respira la crisi economica in Italia, ma anche una crisi di "diplomazia" in politica.
    gio

    ReplyDelete
  2. VOGLIO SAPERE IL NOME DI QUESTO VIDEOOOOOOOO
    Guarda che è scioccante, OBAMA ODIA BERLUSCONI ( a ragione)

    BLOGGER

    ReplyDelete
  3. gra gra grrrazzzie Stefania per questo...alquanto inatesso, premio.

    Shoukriah (probabilmente lo abbiamo acquisito dal mondo arabo, o viceversa? chissà), Dhanyavaad (questo è più puramente "hindostano"), aksanti sana (è swahili!!!!).

    Brava brava, ti meriti un premio solo per l'impegno profuso nei grazie!

    Ora però sarà un bel problema trovare 15 blogs da premiare...
    Secondo me questa è una catena poco sensata: se è provato che dopo pochi gradi di vicinanaza (o come cavolo si chiama, prossimità?), forse 5 o 6, ognuno di noi può conoscere la popolazione dell'intero pianeta (cosa alquanto improbabile!), allora con 15 blog da votare in pochissimo tempo saremo tutti strapremiati! :-p

    --
    ahimsa

    ReplyDelete
  4. pure tu laureata alla Cà Foscari'?!
    anche la mia ex...

    --
    ahimsa

    ReplyDelete
  5. beh Stef, di pietro E' un populista, non ha certo bisogno di andare a ripetizioni da quelli della lega...

    oddio, tutti 'sti articoli... e io che oggi mi volevo rilassare! ;-)
    mi verra' il mal di pancia nervoso, invece...


    @ Jaska/ahimsa (che e' una settimana che mi dimentico di passar dal blog):
    effettivamente la teoria dei 15 gradi di separazione blogghistica ha senso!
    comunque credo che sia stato l'urdu a mutuare "shukria" dall'arabo "shukran"... ma si dice anche in hindi? (non voglio sapere in tutte le altre migliaia di lingue del subcontinente che senno' oltre al mal di pancia nervoso di cui sopra mi viene anche il mal di testa del linguista... ;-) )

    bacci e abbracci ;-)

    clauds

    ReplyDelete
  6. La Mente Persa: Macché... a Obama mica gliene frega qualcosa di un pagliaccio come Berlusconi, neanche lo prende sul serio. Ormai siamo lo zimbello di tutta Europa! Sul Time è apparsa la notizia che la Fiamma Tricolore ha deciso di dare 1500 euro alle famiglie che chiameranno i loro bambini Benito o Rachele. Mi viene in mente la scena de "La Vita è Bella" di Benigni dove ci sono i due bambini che corrono intorno al tavolo e il padre li richiama: "Benito, Adolfo!"... Che vergogna!!!

    Clauds: Oh, finalmente qualcuno che è daccordo con me riguardo a DiPietro. Sta davvero esagerando, non è che demonizzando Berlusconi riuscirà a liberarsene. Quello mi sa che ce lo portiamo dietro ancora per un bel po'.

    Jaska/Ahimsa: allora non stavo scrivendo cavolate senza senso! Comunque sono andata a cercarmele le traduzioni, ancora non so l'hindi, anche se avevo pensato di studiarlo all'università, tanto per entrare nel club cafoscarino denominato da alcuni "lingue strambe". Ebbene sì, Ca' Foscari... con l'acqua alta che ti impedisce di andare a lezione e i turisti maledetti che stanno sempre in mezzo ai piedi...

    ReplyDelete
  7. Passo di qua attraverso altri blog, Voglio solo dirti che la battuta su Di Pietro mi è piaciuta moltissimo. E quanto mi fa male vedere gente di sinistra che lo adora. Ma la domanda è questa: siamo sicuri che sono di sinistra se adorano il suo populismo?

    Ciao!

    ReplyDelete
  8. Antonio Di Pietro non è un politico.
    Non lo è per formazione.
    Ma attualmente è l'unico che fa politica, è l'unico (non in modo assoluto, intendiamoci) che è coerente con le proprie idee e con ciò che dice di rappresentare.

    Ovviamente sono d'accordo che sia troppo annichilito su Berlusconi, ed proprio da questo trae linfa vitale....perchè nella sostanza propone ben poche innovazioni: non ha un vero e proprio programma...però anche in questo è in buona compagnia.

    Io non posso dire di adorarlo, ma devo sicuramente ammettere che è l'unica voce fuori dal coro nell'orgia dei conflitti d'interessi nostrani, che ben si addice ad essere definita "opposizione" (di centro-sinistra).

    --
    ahimsa

    ReplyDelete
  9. Di Pietro coerente?
    Lui che durante il governo non ha voluto fare la commissione parlamnetra sul g8 di Genova eora che sta all'opposizione cambia idea?
    Lui che quando era al governo premeva per la TAV e ora preme per non farla?
    Lui che ha votato il pacchetto sicurezza di Maroni?

    Scusami ma la sua politica non mi piace affatto! Almeno a me che credo nei valori della sinistra, ma non quella del PD che oramai ha sposato il riformismo, quindi abbraccia l'ideologia del mercato.

    Se non ci fosse stato Berlusconi, Di Pietro sarebbe stato un perfetto uomo di centro destra.

    ReplyDelete
  10. Arguta, ormai i tuoi Italieni sono un bel resoconto delle magagne italjote.

    Wil

    ReplyDelete
  11. Mah, secondo me Di Pietro è coerente nell'opporsi a Berlusconi, ma per il resto non lo vedo molto ferrato.
    Se devo essere sincera non c'è un politico che in questo motivo mi sento di supportare. Posso dire che Di Pietro ha ragione quando dice una cosa e Veltroni quando ne dice un'altra, ma non è ce n'è uno che mi soddisfi.
    Urge gente nuova, carismatica e qualificata!

    ReplyDelete
  12. concordo con la chiosa dell'Incarcerato sul fatto che, se non ci fosse berlusconi, di pietro sarebbe un perfetto uomo di destra e concordo in generale con tutto il suo discorso, ma (mi fa male dirlo) non vedo nessuno nel cosiddetto "centrosinistra" in cui riconoscermi per motivi ideologici. a quel punto allora, mi tocca turarmi il naso e dire che, in questa legislazione, di pietro e' l'unico che stia facendo un po' di opposizione. che lo faccia solo per dare contro a berlusconi (e con le sue stesse armi -ovvero il populismo e la demagogia), sinceramente non m'interessa. sicuramente non saro' mai una fan di di pietro e non penso che lo voterei, ma per il momento bisogna fare opposizione ai provvedimenti assurdi di questo governo e lui, nel bene e nel male, la sta facendo. l'immobilismo del resto della sinistra, invece, non sta facendo del bene per il paese...
    comunque si': serve gente nuova, Stefania! ti quoto al 100%. ma questa gente dovrebbe essere slegata dalle logiche dei principali partiti, perche', anche eleggendo un brillante trentenne che viene dalla "scuola di partito", non credo che la sostanza cambierebbe di molto.
    un abbraccio

    clauds

    ReplyDelete